Una maglia rossa per dire No al “silenzio responsabile”. L’invito di P. Beniamino per il 7 luglio

Il Buon Samaritano > Migranti > Una maglia rossa per dire No al “silenzio responsabile”. L’invito di P. Beniamino per il 7 luglio

Una maglia rossa per dire No al “silenzio responsabile”. L’invito di P. Beniamino per il 7 luglio

Non è una manifestazione di moda o il tributo ad un Santo, ma il ricordo e la testimonianza viva per quanti sono morti in mare in cerca di salvezza dai regimi dittatoriali dei Paesi di origine, da guerre “intestine” spesso e purtroppo dimenticate dal mondo occidentale, ma da esse fomentate, da chi fugge per riprendersi la propria dignità calpestata e i propri diritti negati.

Ancora una volta Padre Beniamino Sacco, Presidente della nostra Fondazione “Il Buon Samaritano”, alza la voce a favore dei poveri, degli ultimi, di chi non ha più voce perché inghiottiti dal mare, dalle gelide e fredde acque del “Mar mortum” come lo hanno definito in molti; sposando l’invito di Don Luigi Ciotti, presidente dell’ associazione Libera, ci invita ad indossare per sabato 7 luglio, UNA MAGLIETTA ROSSA, simbolo di quel sangue versato che “grida vendetta al cospetto di Dio”.

il suo monito chiaro, senza parafrasi e diretto secondo il suo stile, ci invita ad una riflessione oculata ma fattiva, un invito al’ impegno personale, perché tutto questo non avvenga mai più.

Impegno, testimonianza che diventa monito per quanti “pensano” di giocare con la vita degli altri per questioni di “commercio o politica” come lo stesso scrive.

Non ci resta – dunque – che indossare una maglia rossa sabato 7 luglio !

Ecco il testo:

Non è un tributo al nostro Patrono san Giovanni, né vuole essere una manifestazione di moda, bensì una testimonianza in ricordo di tutte le vitti, sacrificate sull’altare di quanti della vita altrui ne hanno fatto un commercio o una lotta politica.

Vuole essere la risposta all’invito di don Ciotti, fondatore di libera e baluardo di legalità, a tutti gli uomini di buona volontà, che non vogliono sottostare al pensiero di coloro, in nome di chi sa libertà, predicano l’esclusione come obiettivo primario delle loro idee, dimenticando che è in gioco la vita di persone e non la quantificazione di numeri. Il numero delle vittime destinate all’esclusione, purtroppo, aumenta di giorno in giorno.

Il rischio concreto è che ai numeri ci si può abituare o, quantomeno, non avvertire nessuna reazione interiore. Da qui l’importanza di farsi partecipi di tutte le iniziative che hanno come obiettivo di farsi voce di chi più voce non ha. Papa Francesco ricorda sempre che, di fronte alle tragedie umane, ci può essere un “silenzio responsabile”, che è il peccato più grave per chi crede nel rispetto della vita altrui.

La maglietta rossa è simbolo del sangue versato, ma anche di amore cercato. Indossiamola pensando a tutto il sangue versato, proponendoci però come risposta ai bisognosi d’amore.

  P. Beniamino

 

(foto repertorio web)

    Leave a Comment

    X